Skip to main content
Start of main content

5 consigli fondamentali per un Project Manager di successo

05 dicembre 2018

By Michele Mancini

Ecco quelli che, secondo noi, sono i 5 punti fondamentali che un project manager non può dimenticare

La complessità dei progetti che come project manager ci troviamo ad affrontare richiede necessariamente un approccio proattivo e innovativo al project management. Di seguito troverete quelli che, secondo noi, sono 5 punti fondamentali per gestire un progetto di successo.

1. Stabiliamo in anticipo quali sono gli obiettivi 

Come project manager non siamo solo responsabili del completamento di un progetto, ma anche di un team con diversi stakeholder che mirano a raggiungere i propri obiettivi. È perciò fondamentale motivare, incoraggiare e mediare quando necessario, coordinando il proprio team e comunicando chiaramente con tutti i soggetti coinvolti, incluso il cliente. Per non alterare questo delicato equilibrio, è importante stabilire sin dall’inizio quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Nel corso del progetto, riceveremo dai nostri clienti richieste che potrebbero influire sullo scopo, sul team e sulla pianificazione. Ciò che il cliente vede come una semplice richiesta, può invece implicare modifiche rilevanti che possono comportare aumenti di costi e/o ritardi.

In qualità di project manager, è fondamentale indagare e comprendere le ragioni alla base della richiesta ed essere in grado di comunicarne l’impatto sui costi e sulle tempistiche di consegna prima di acconsentire. Ciò significa che, nel caso in cui non ci sia un chiaro valore aggiunto, potrebbe essere meglio declinare diplomaticamente la richiesta del cliente piuttosto che accettarla e ritrovarsi in un vicolo cieco.

2. Formiamo un team di lavoro unito

I progetti posso essere davvero stressanti e difficili da gestire, specie se si lavora con tempistiche o budget stringenti. È una nostra responsabilità far sì che il team di lavoro sia coeso e resti concentrato sull’obiettivo.

Si verificheranno inevitabilmente degli attriti tra i membri del team di lavoro e altre persone coinvolte nel progetto. Per questo è importante che ci sia la volontà da parte di tutti di risolvere i problemi man mano che si presentano. Se manca questa volontà, nemmeno il miglior project manager può aiutare. Ci sono però alcuni accorgimenti che favoriscono un clima di collaborazione, ad esempio:

  • Incoraggiare le attività di team building per ottenere un ambiente di lavoro collaborativo e divertente;
  • Essere il più possibile obiettivi quando si analizzano le criticità per favorire un clima di fiducia e imparzialità;
  • Imparare a ridimensionare il problema (a volte): oltre ad alleggerire l’ambiente di lavoro ci permetterà di avere una prospettiva diversa e di vedere i problemi da un altro punto di vista.

3. Non scegliamo tra qualità e rispetto delle scadenze

Tutti almeno una volta siamo stati tentati di trascurare la qualità per rispettare delle scadenze imposte da un cliente. Anche se è importante rispettare le tempistiche, dobbiamo sempre tenere ben presente che trascurare la qualità in favore della velocità può trasformarsi in un grande boomerang; resistiamo sempre!

4. Creiamo un ambiente di lavoro “senza sorprese”

In qualità di leader dobbiamo essere un passo avanti in ogni ambito del progetto. Nonostante ci sia un limite a ciò che la nostra mente può elaborare, non ci dovrebbero mai essere sorprese per noi e per i nostri clienti. Per far sì che questo accada, dobbiamo identificare i rischi del progetto e limitare le criticità fin dalle fasi iniziali. A tal fine manteniamo una comunicazione onesta e trasparente con i clienti: la nostra abilità nel comunicare correttamente sarà la base per una relazione di lungo termine fondata sulla fiducia.

5. Siamo flessibili

La pianificazione è importante, ma il successo dei nostri progetti dipenderà dal modo in cui sappiamo gestire gli imprevisti e ci adattiamo ai cambiamenti. Dobbiamo saper evolvere insieme al progetto.

  • Michele  Mancini

    Con oltre 10 anni di esperienza nel settore dell’efficienza energetica, energie rinnovabili e cambiamento climatico, Michele attualmente dirige il team Energy e Business in Italia.

    Contatta Michele
End of main content
To top